Maggio 29, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Il clima e le correnti hanno plasmato le culture di cacciatori-raccoglitori del Giappone

La vista da una palude sull’isola di Rishiri vicino a Hokkaidō, in Giappone, dove gli scienziati hanno campionato le carote di torba per la ricerca sul paleoclima. Credito: Masanobu Yamamoto

La prefettura dell’isola di Hokkaidō, la seconda isola più grande del Giappone, ha una ricca storia culturale di cacciatori-raccoglitori sia a terra che in mare. Nel corso di migliaia di anni, attraverso l’Olocene e nel 19° secolo, la prevalenza di queste culture in tutta l’isola è aumentata e diminuita. Secondo un nuovo studio, le oscillazioni climatiche e il cambiamento dei mari sono stati probabilmente fattori importanti in questi cambiamenti culturali.


Storicamente, Hokkaidō ospitava due tipi principali di culture di sussistenza: quella terrestre cacciatori-raccoglitori, come i popoli Zoku-Jomon e Satsumon, e i marittimi come il popolo di Okhotsk. I popoli Zoku-Jomon e Satsumon raccoglievano e probabilmente gestivano miglio, orzo e fagioli, mentre gli Okhotsk pescavano principalmente, cacciavano mammiferi marini come le foche e raccoglievano altri cibi marini. Ogni gruppo è ancestrale del popolo Ainu contemporaneo.

Documenti storici e testimonianze archeologiche di queste tre culture abbracciano migliaia di anni, da 8.000 anni prima del presente fino alla fine 19esimo secoloquando gli stili di vita moderni iniziarono a sostituire i cacciatori-raccoglitori cultura. Storici e scienziati pensavano che i cambiamenti in cui le culture fossero dominanti e dove si trovassero potessero essere correlati al clima, ma mancavano prove per collegare saldamente i punti.

Alla ricerca di una risposta, i paleoclimatologi Masanobu Yamamoto e Osamu Seki, entrambi dell’Università di Hokkaidō in Giappone, si sono rivolti a una palude sull’isola di Rishiri, a nord di Hokkaidō, per verificare se i suoi profondi depositi di torba potessero contenere indizi sui climi passati. Con gli studenti al seguito, i due ricercatori hanno estratto nuclei di paludi di 5 metri comprendenti principalmente muschio di torba che si trova comunemente nelle torbiere subpolari di tutto il mondo. I ricercatori hanno datato al carbonio il nucleo e analizzato la composizione isotopica dell’ossigeno della cellulosa nel torba e le erbe come isotopi dell’ossigeno nelle piante sono correlate a fattori climatici come precipitazioni, umidità e fonte d’acqua.

Il clima e le correnti hanno plasmato le culture di cacciatori-raccoglitori del Giappone

Quando le correnti e il clima sono cambiati nel corso di migliaia di anni, le culture di sussistenza del Giappone hanno risposto, spostandosi dove erano centrate e quanto fossero diffuse. Credito: M. Yamamoto e AGU

Gli autori hanno utilizzato le oscillazioni negli isotopi dell’ossigeno della cellulosa per ricostruire 4.400 anni della posizione dei venti occidentali estivi, che influenzano il monsone estivo, e una corrente oceanica regionale chiamata Tsushima Warm Current, che fornisce aria calda e umida alla regione. Hanno scoperto un grande cambiamento isotopi dell’ossigeno circa 2.300 anni fa, suggerendo un passaggio nel clima dell’Hokkaidō settentrionale dall’essere controllato principalmente dai monsoni e occidentali all’essere controllato dalla corrente calda di Tsushima.

I cambiamenti nella posizione della cultura di Okhotsk, dipendente dal mare, erano correlati alla forza della corrente calda di Tsushima, che tagliava i nutrienti che stimolavano la crescita lungo la catena alimentare. Con lo spostamento dei controlli climatici, anche le culture di Hokkaidō si sono modificate: da circa 1.600 anni fa a 1.100 anni fa, la cultura marina di Okhotsk si espanse quando la corrente calda di Tsushima si indebolì. Ma quando la corrente calda di Tsushima si rafforzava e le sostanze nutritive diminuivano, le culture interne prosperavano e si espandevano.

Le culture dell’entroterra Zoku-Jomon e Satsumon erano più sensibili all’estate occidentale e alla stagione dei monsoni. Quando i venti occidentali si spostarono verso nord, persistevano estati calde e umide.

“La maggior parte delle persone pensa che il cambiamento climatico influisca società umanema ancora non conosciamo bene i meccanismi e i processi di come ciò avvenga”, ha detto Yamamoto. “Penso che questo [study] è un passo molto importante per il nostro campo. “Esaminare culture come queste, con legami forti e diretti con il loro ambiente e clima, è un modo utile per imparare come le diverse società rispondono a cambiamento climaticoHa aggiunto.

Lo studio compare in Lettere di ricerca geofisica.


Il riscaldamento dell’Oceano Indiano potrebbe indebolire le precipitazioni monsoniche estive nell’Asia meridionale


Maggiori informazioni:
Masanobu Yamamoto et al, Impact of Climate Change on Hunter ‐ Fisher ‐ Gatherer Cultures in Northern Japan Over the Past 4.400 Years, Lettere di ricerca geofisica (2022). DOI: 10.1029 / 2021GL096611

Questa storia è stata ripubblicata per gentile concessione di Eos, ospitata dall’American Geophysical Union. Leggi la storia originale qui.

Citazione: Il clima e le correnti hanno plasmato le culture di cacciatori-raccoglitori del Giappone (2022, 6 maggio) recuperate il 6 maggio 2022 da https://phys.org/news/2022-05-climate-currents-japan-hunter-gatherer-cultures.html

Questo documento è soggetto a copyright. Al di fuori di qualsiasi correttezza commerciale a fini di studio o ricerca privati, nessuna parte può essere riprodotta senza il permesso scritto. Il contenuto è fornito a solo scopo informativo.

READ  Al nuovo vertice, Biden cerca paesi del Pacifico "liberi e aperti" con Australia, India e Giappone