Maggio 24, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

I timori della Russia spingono gli importatori di gas giapponesi a cercare nuovi fornitori

Le compagnie di gas giapponesi stanno preparando piani per l’approvvigionamento di gas naturale liquefatto da Malesia, Australia e Stati Uniti nel caso in cui temono possa essere un’interruzione incombente della fornitura di progetti di GNL che il Giappone ha sviluppato insieme alla Russia.

I piani di emergenza potrebbero mettere la terza economia più grande del mondo in concorrenza diretta con l’Europa per le forniture globali di gas, evidenziando l’attenzione del Giappone nel soddisfare il proprio fabbisogno energetico nonostante il suo desiderio di mostrare solidarietà con i vicini occidentali della Russia.

Gli importatori di gas giapponesi hanno affermato che, sebbene alcuni carichi di GNL in eccesso siano stati spediti in Europa da febbraio, non vi era alcuna prospettiva di grandi deviazioni dai contratti a lungo termine di produttori come il Qatar a causa della sensibilità alla sicurezza energetica del Giappone.

Le compagnie elettriche giapponesi sono preoccupate per la sicurezza degli approvvigionamenti dalla Russia, nonostante le promesse di Tokyo di non ritirarsi dal progetto Sakhalin-2 GNL da 10 milioni di tonnellate all’anno e da altri sviluppi congiunti con la Russia sull’isola di Sakhalin a nord del Giappone.

“In caso di difficoltà nell’approvvigionamento di gas da Sakhalin, stiamo valutando la possibilità di sfruttare i nostri fornitori malesi per aumentare il volume o chiedere loro di consegnare le forniture in anticipo”, ha affermato Takayuki Yamane di Hiroshima Gas Co. L’utility acquista circa 200.000 tonnellate del suo GNL annuale da Sakhalin-2 in un contratto che durerà fino a marzo 2028.

La ricerca di nuove fonti di GNL metterebbe il Giappone in competizione per le scarse forniture globali contro le nazioni europee che lo sono nel disperato tentativo di ridurre la propria pesante dipendenza dal gas convogliato dalla Russia.

READ  Luca collabora con Xen Capital di Singapore per lanciare la piattaforma giapponese

Le compagnie giapponesi temono che le forniture russe possano essere minacciate dalla crescente pressione internazionale per tagliare i legami con Mosca per l’invasione dell’Ucraina, o da una potenziale rappresaglia del Cremlino per altre sanzioni già imposte da Tokyo.

Giappone venerdì vietato le importazioni di carbone russo e ha promesso di seguire la politica concordata con gli alleati del G7 per ridurre la dipendenza dall’energia russa in generale.

Le società di servizi di gas regionali del Giappone dipendono fortemente dalla Russia per alimentare alcune delle più grandi città del paese, inclusa la metà delle forniture annuali utilizzate a Hiroshima, nativa del primo ministro Fumio Kishida, e circa il 10% a Tokyo. In tutto, il GNL russo rappresenta quasi un decimo delle importazioni di gas giapponesi.

Nel Giappone occidentale, Osaka Gas ha dichiarato di voler anticipare l’approvvigionamento di gas da fornitori in Australia e negli Stati Uniti o di acquistare sul mercato spot in caso di interruzione delle spedizioni dalla Russia. La compagnia serve Osaka, la terza città più grande del Giappone, che dipende dalla Russia per circa il 4% del suo gas.

Le preoccupazioni per il gas russo evidenziano la maggiore dipendenza del Giappone dalle importazioni di energia dopo che la nazione povera di risorse ha inattivo la maggior parte dei suoi reattori nucleari a seguito del crollo dell’impianto di Fukushima Daiichi nel 2011.

Il progetto Sakhalin-2 è stato sviluppato dalla russa Gazprom e dalla major petrolifera Shell insieme alle case commerciali giapponesi Mitsui e Mitsubishi, che detengono rispettivamente il 12,5 e il 10% delle quote del progetto. Shell il mese scorso ha abbandonato l’impresafacendo pressione sulle parti interessate giapponesi.

READ  Sanchi di Pokemon ottiene parchi giochi a tema in Giappone

Koichiro Matsumoto, vice segretario di gabinetto per gli affari pubblici presso l’ufficio di Kishida, ha detto il Giappone non abbandonerebbe Sakhalin-2 e altri due progetti energetici in Russia, pur concordando con altri paesi del G7 sulla necessità di “ridurre la nostra dipendenza dall’energia russa”.

“Ogni volta che parliamo di ritiro, dobbiamo sempre tenere a mente chi lo riempirà”, ha affermato Matsumoto, avvertendo che le società di “origine particolare” potrebbero entrare in picchiata per rilevare le quote di Tokyo. Altri funzionari giapponesi hanno espresso in privato preoccupazioni per le società cinesi che sostituiscono gli interessi giapponesi nell’estremo oriente russo.

Bollettino bisettimanale

L’energia è l’attività indispensabile del mondo e Energy Source è la sua newsletter. Ogni martedì e giovedì, direttamente nella tua casella di posta, Energy Source ti offre notizie essenziali, analisi lungimiranti e informazioni privilegiate. Iscriviti qui.

Per il Giappone sarebbe costato almeno 1 trilione di yen sostituire il gas russo attraverso acquisti sul mercato spot, ha affermato un funzionario del ministero del Commercio coinvolto nella politica petrolifera e del gas. “Questa è una cifra pazzesca, e anche allora – perché c’è una lotta globale per il GNL – non importa quanti soldi paghi, semplicemente non puoi comprare quel tipo di volumi”, ha detto il funzionario.

Il Giappone ha spostato parte del gas in eccesso per il quale ha “sovracontratto” dai fornitori all’Europa, A seguito di una richiesta del presidente degli Stati Uniti Joe Biden a febbraio.

Dall’inizio di quest’anno, secondo Kpler, una società di dati sulle materie prime, 29 navi GNL noleggiate da società giapponesi sono arrivate ai terminali di importazione europei, per lo più dagli Stati Uniti. Hanno scaricato circa 2 milioni di tonnellate di GNL, equivalenti a circa il 6% delle importazioni di GNL dell’UE dall’inizio di quest’anno.

READ  Abbiamo sottovalutato lo speciale cucchiaio di curry della catena di curry preferita del Giappone 【Test del gusto

Ma le persone dei principali importatori di gas giapponesi hanno affermato che qualsiasi deviazione sarebbe stata limitata.

“Siamo consapevoli del grande rischio che comporta l’importazione di energia russa”, ha detto Matsumoto nell’ufficio del Primo Ministro. Eppure, ha aggiunto, “non abbiamo il lusso di poter produrre petrolio o gas all’interno dei nostri confini ed è per questo che la sicurezza energetica è sempre nei nostri pensieri”.

Segnalazione aggiuntiva di Harry Dempsey a Londra