Maggio 29, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

“I miei nipoti sono stati rapiti in Giappone, ma sono determinato a riunire la nostra famiglia”

L’ultima volta che Karen Macgregor ha visto i suoi nipoti è stato nel 2000 a casa dei suoi genitori nell’Ayrshire. C’erano molti rumori di guida, ricorda, mentre giocava con le macchine con Satomi di quattro anni, il figlio maggiore di suo fratello, Douglas Galbraith, e sua moglie giapponese Tomoko.

Satomi – “un ragazzino gentile e premuroso” – era affascinato dal gatto di sua nonna. Amava spingere una piccola carriola verde, ricorda. Suo fratello minore, Makoto, era su un seggiolone in cucina: “le sue piccole mani da stella marina tendevano verso la ciotola”.

Non c’era, dice Macgregor, nessun accenno alla tragedia che avrebbe devastato la famiglia – un fardello che suo fratello, profondamente riservato, si è caricato in gran parte in silenzio. In effetti, è stato solo quando ha esaminato le sue carte, dopo la sua morte nel 2018, che ha capito il senso di schiacciante disperazione che ha provato dopo che Tomoko ha rapito i loro figli, tornando con loro in Giappone e interrompendo l’accesso.

Quel terribile giorno arrivò nell’estate del 2003. Galbraith, un romanziere storico, si era recato a Londra dalla casa di famiglia nella zona rurale di Fife per un breve viaggio di ricerca. Al ritorno, si aspettava di essere prelevato alla stazione ferroviaria dalla moglie e dai figli, ma nessuno si è presentato. Dopo essere tornato a casa loro, è stato accolto da una lettera sullo zerbino della Royal Mail, a conferma che la posta di Tomoko sarebbe stata reindirizzata al suo nuovo indirizzo temporaneo, in Giappone.

Per i primi anni, c’erano poche telefonate scarse con i suoi figli. Poi, dopo che la casa di famiglia in Scozia è stata venduta, hanno smesso. Quando Galbraith si è tolto la vita nel 2018, non li vedeva né li sentiva da nove anni.

READ  Zelenskyy fa appello al Giappone per ulteriori sanzioni contro la Russia