Ottobre 2, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

I leader della Corea del Sud e del Giappone si incontrano in mezzo a controversie sulla storia

I leader della Corea del Sud e del Giappone si incontreranno la prossima settimana a margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, hanno detto giovedì i funzionari di Seoul, nel primo vertice dei paesi in quasi tre anni tra le tensioni sulla storia.

Le due parti hanno concordato un incontro tra il presidente sudcoreano Yoon Suk Yeol e il primo ministro giapponese Fumio Kishida e stanno discutendo i tempi esatti, ha detto ai giornalisti Kim Tae-hyo, vicedirettore della sicurezza nazionale di Yoon.

Kim ha detto che l’incontro fa parte di una serie che Yoon sta spingendo per tenere con i leader mondiali che parteciperanno all’Assemblea generale delle Nazioni Unite martedì e mercoledì prossimo. Ha detto che anche la Corea del Sud e gli Stati Uniti hanno concordato un incontro tra Yoon e il presidente Joe Biden.

I legami tra Corea del Sud e Giappone, entrambi alleati chiave degli Stati Uniti, sono al punto più basso da decenni dopo che i tribunali sudcoreani hanno stabilito nel 2018 che due società giapponesi – Nippon Steel e Mitsubishi Heavy Industries – devono risarcire gli ex dipendenti coreani per il lavoro forzato durante il Giappone 1910. -45 Dominio coloniale della penisola coreana. Le società e il governo giapponese si sono rifiutati di conformarsi alle sentenze, sostenendo che tutte le questioni relative ai risarcimenti sono state risolte in base a un trattato del 1965 che normalizzava i legami tra i paesi e includeva un pagamento di 500 milioni di dollari dal Giappone alla Corea del Sud.

Le controversie storiche si sono estese ad altre aree, con i due paesi che hanno declassato a vicenda lo status commerciale e Seoul che ha minacciato di annullare un accordo di condivisione dell’intelligence. La disputa ha complicato un tentativo guidato dagli Stati Uniti di consolidare le sue alleanze con i suoi partner regionali tra la crescente influenza cinese e le minacce nucleari nordcoreane.

READ  L'euro scende al minimo da giugno 2020 mentre l'invasione russa dell'Ucraina va avanti

Seoul e Tokyo stanno cercando di ricucire i loro legami tesi dall’inaugurazione a maggio di Yoon, un conservatore che vuole migliorare le relazioni con il Giappone e rafforzare la cooperazione trilaterale in materia di sicurezza Seoul-Tokyo-Washington per far fronte meglio alle crescenti minacce della Corea del Nord.

Non è chiaro se l’incontro Yoon-Kishida produrrà una svolta immediata perché è improbabile che alcuni ex lavoratori forzati coreani e i loro gruppi di supporto accettino un accordo per risolvere le loro battaglie legali a meno che le società giapponesi non acconsentano alle sentenze del tribunale.

Gli ultimi colloqui tra i leader della Corea del Sud e del Giappone sono avvenuti nel dicembre 2019, quando l’allora presidente sudcoreano Moon Jae-in e il primo ministro giapponese Shinzo Abe si sono incontrati in Cina.