Maggio 29, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

I leader del quad concordano che l’esperienza dell’Ucraina non dovrebbe essere consentita in Indo-Pacifico-Giappone

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ascolta il discorso del primo ministro indiano Narendra Modi durante un incontro “Quad Nations” al vertice dei leader del Quadrilateral Framework tenutosi nella Sala Est della Casa Bianca a Washington, USA, il 24 settembre 2021. REUTERS / Evelyn Hockstein

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

TOKYO / WASHINGTON, 3 marzo (Reuters) – I leader del raggruppamento di paesi Quad – Stati Uniti, India, Australia e Giappone – hanno concordato giovedì che ciò che sta accadendo all’Ucraina non dovrebbe accadere nell’Indo-Pacifico giapponese Lo ha detto il primo ministro Fumio Kishida.

Una riunione virtuale del raggruppamento di quattro paesi si è tenuta in un momento di crescente preoccupazione per Taiwan, un’isola autogovernata rivendicata dalla Cina che ha aumentato il suo livello di allerta dall’invasione russa dell’Ucraina, diffidente nei confronti di Pechino che approfitta di un Occidente distratto muoversi contro di essa. Per saperne di più

“Abbiamo convenuto che modifiche unilaterali allo status quo con la forza non dovrebbero essere consentite nella regione indo-pacifica”, ha detto Kishida, riferendosi all’invasione della Russia.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

“Abbiamo anche convenuto che questo sviluppo rende ancora più importante lavorare per realizzare un Indo-Pacifico libero e aperto”, ha detto Kishida ai giornalisti dopo l’incontro con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il primo ministro australiano Scott Morrison e il primo ministro indiano Narendra Modi.

Una dichiarazione congiunta del Quad ha affermato che i leader si sono incontrati per “riaffermare il loro impegno per un Indo-Pacifico libero e aperto, in cui la sovranità e l’integrità territoriale di tutti gli stati sono rispettate e i paesi sono liberi da coercizione militare, economica e politica”.

READ  Kavi è una teen star che ha conquistato nuovi fan per il "Generals Game" giapponese

I leader, la cui chiamata ha fatto seguito a una riunione dei loro ministri degli esteri in Australia il mese scorso, hanno anche “riaffermato la loro dedizione al Quad come meccanismo per promuovere la stabilità e la prosperità regionale”.

La dichiarazione, in cui si aggiungeva che i leader avevano accettato di incontrarsi di persona a Tokyo “nei prossimi mesi”, non faceva menzione specifica di Taiwan, ma affermava che i leader hanno discusso del conflitto e della crisi umanitaria in Ucraina.

“Hanno convenuto di sostenere un nuovo meccanismo di assistenza umanitaria e soccorso in caso di calamità che consentirà al Quad di affrontare le future sfide umanitarie nell’Indo-Pacifico e fornire un canale di comunicazione mentre ciascuno affronta e risponde alla crisi in Ucraina”, ha affermato . .

Biden ha twittato che l’incontro con i leader del Quad ha coperto “il nostro impegno per la sovranità e l’integrità territoriale in tutto il mondo, incluso nell’Indo-Pacifico”.

L’ufficio di rappresentanza di Taiwan a Washington ha affermato di aver accolto con favore l’impegno del Quad per un Indo-Pacifico libero e aperto. “Taiwan continuerà a lavorare con tutti i partner amanti della pace nella regione per la prosperità e la stabilità”, ha affermato.

Modi “ha sottolineato che il Quad deve rimanere concentrato sul suo obiettivo principale di promuovere la pace, la stabilità e la prosperità nella regione indo-pacifica”, ha affermato il suo ufficio.

Ha affermato che sono stati discussi gli sviluppi in Ucraina, comprese le sue implicazioni umanitarie, e Modi “ha sottolineato la necessità di tornare su un percorso di dialogo e diplomazia”.

Ha affermato che i leader hanno anche discusso del sud-est asiatico, della regione dell’Oceano Indiano e delle isole del Pacifico e Modi “ha ribadito l’importanza di aderire alla Carta delle Nazioni Unite, al diritto internazionale e al rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale”.

READ  Il ministro degli Esteri giapponese Blinken afferma che gli Stati Uniti si sono impegnati a proteggere il Giappone

Washington vede il Quad e le sue crescenti relazioni con l’India come essenziali per i suoi sforzi per respingere la Cina, ma è in un delicato equilibrio con Nuova Delhi, dati i legami di lunga data di quest’ultima con la Russia.

Dei paesi Quad, solo l’India non ha condannato l’invasione russa dell’Ucraina. La Russia è il principale fornitore di armi all’esercito indiano e l’India affronta la possibilità di sanzioni statunitensi per l’acquisto del sistema russo di difesa aerea S-400.

Gli analisti affermano che qualsiasi mossa dei falchi statunitensi e russi per imporre sanzioni all’India per aver collaborato con Mosca potrebbe ostacolare la cooperazione dei Quad.

Donald Lu, assistente segretario di stato americano per l’Asia meridionale, ha detto mercoledì in un’audizione della sottocommissione al Senato che Washington ha combattuto una “battaglia campale” con l’India nei canali diplomatici per esortarla a prendere una posizione chiara contraria alle azioni russe in Ucraina.

Ha anche affermato che stava esaminando “molto da vicino” se applicare sanzioni all’India per i suoi accordi di armi con la Russia ai sensi del Countering America’s Adversaries through Sanctions Act (CAATSA), o rinunciarvi.

Kurt Campbell, il coordinatore della Casa Bianca per l’Indo-Pacifico, ha affermato lunedì che Washington è rimasta “rialzista” riguardo alle sue relazioni con l’India. Per saperne di più

“Comprendiamo … la relazione storica e di lunga data dell’India con la Russia, ma allo stesso tempo, in definitiva, crediamo che l’India si muoverà nella nostra direzione”, ha affermato.

Campbell ha detto che Washington manterrà la sua attenzione sull’Indo-Pacifico nonostante la crisi ucraina, anche se questo sarebbe difficile e costoso. Ha detto che Washington è stata profondamente impegnata in due teatri contemporaneamente in precedenza, anche durante la seconda guerra mondiale e la guerra fredda.

READ  Wall Street lotta con dati di paga misti

Ryan Hass, un ex direttore cinese del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti ora alla Brookings Institution, ha affermato che la chiamata Quad, così come una visita di una delegazione di ex funzionari della difesa statunitensi a Taiwan questa settimana, ha mostrato che Biden voleva assicurarsi che la Cina non lo facesse. avere l’idea che l’invasione russa abbia distratto Washington dal suo focus sull’Indo-Pacifico.

“Il riferimento nella dichiarazione congiunta di garantire che gli altri siano liberi dalla ‘coercizione militare, economica e politica’ sembra destinato a segnalare che i leader del Quad lavoreranno per scoraggiare più di una semplice invasione militare di Taiwan, ma anche sforzi al di sotto della soglia del conflitto di cambiare unilateralmente lo status quo”, ha affermato.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Reporting di Susan Heavey, David Brunnstrom e Michael Martina a Washington, Kiyoshi Takenaka a Tokyo e Kanishka Singh a Bengaluru; Montaggio di Raissa Kasolowsky e Jonathan Oatis

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.