Maggio 29, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

I fan di baseball più turbolenti del Giappone cercano disperatamente di porre fine al silenzio pandemico

Emesso il: Modificato:

Osaka (Giappone) (AFP) – In un paese di fanatici del baseball, i sostenitori di Hanshin Tigers sono conosciuti come i più turbolenti del Giappone, quindi non vedono l’ora di liberarsi mentre un divieto pandemico di tifare si trascina in una terza stagione.

In epoca pre-coronavirus, lo stadio Koshien dei Tigers vicino a Osaka era un tripudio di rumori e colori con i fan che urlavano, cantavano e suonavano le trombe a sostegno fervente della loro squadra.

Ma dal momento del Covid sono stati messi a tacere e le loro voci sono state sostituite da canti registrati convogliati sugli spalti attraverso gli altoparlanti dopo che il tifo era stato vietato negli stadi sportivi giapponesi per combattere il virus.

I tifosi dei Tigers, che spesso sono più numerosi dei tifosi di casa nelle partite in trasferta e sono facilmente riconoscibili nei loro strani e meravigliosi abiti gialli e neri, dicono che stanno “pregando” per il giorno in cui potranno gridare di nuovo il loro sostegno a gola piena.

“Penso che le persone saranno così felici che si spoglieranno tutte”, ha detto all’AFP Hideyuki Takashima, fan dei Tigers, 57 anni, da sempre.

L’inizio della nuova stagione di baseball a marzo ha visto i fan della lega tornare a numero pieno, dopo che le presenze erano state limitate per mantenere il distanziamento sociale.

Ma permangono i segnali che chiedono loro di indossare maschere per il viso e di astenersi dal cantare, cantare e parlare ad alta voce.

Alcuni fan dei Tigers, come il 59enne Hiroshi Umehara, dicono che gli applausi possono “svanire” dopo un drink o due, ma altri trovano modi diversi per liberare le loro emozioni represse.

Un fan degli Hanshin Tigers si trucca prima di incontrare altri sostenitori Filippo FONG AFP

“Aspetto di arrivare a casa e poi lo lascio uscire, canto nella vasca da bagno”, ha detto Shigeyuki Morishita, 56 anni.

READ  Il parlamento giapponese approva la risoluzione sui diritti degli uiguri in vista delle Olimpiadi di Pechino

‘Modo di vivere’

I Tigers hanno vinto il titolo della Japan Series solo una volta, ma godono di un enorme supporto a Osaka, la terza città più grande del Giappone e nota per il suo umorismo ruvido e il suo carattere con i piedi per terra.

Quando la squadra vinse il titolo nel 1985, i fan festeggiarono saltando nel canale Dotonbori di Osaka.

Yuko Kawase, che assiste alle partite indossando un kimono fatto in casa coperto dal logo della squadra, dice che è “uno stile di vita”.

“È come se fossi seduto in panchina con loro, gareggiando al loro fianco”, ha detto il 47enne, che assiste a circa 80 o 90 partite a stagione e si reca anche ai campi di allenamento pre-campionato della squadra.

“I fan di Hanshin non lo considerano uno sport o un passatempo: la tua vita è Hanshin. Niente tigri, niente vita”.

La mancanza di trofei dei Tigers nel corso degli anni è in netto contrasto con la squadra di maggior successo del Giappone, gli Yomiuri Giants.

I Giants con sede a Tokyo hanno vinto la Japan Series 22 volte e sono considerati la loro versione country dei New York Yankees per il loro impareggiabile dominio e potere di spesa.

I tifosi dell'Hanshin Tigers sono conosciuti come i più turbolenti del Giappone nonostante la mancanza di successo della squadra
I tifosi dell’Hanshin Tigers sono conosciuti come i più turbolenti del Giappone nonostante la mancanza di successo della squadra Filippo FONG AFP

La fan dei Tigers Kawase dice che si rifiuta di partecipare alle partite della stagione regolare allo stadio Tokyo Dome di Yomiuri e non riesce nemmeno a pronunciare la parola “Giants”, chiamando la squadra “G” o “quel lotto arancione”.

Un altro sostenitore dei Tigers, che si chiama “Angel”, afferma che la rivalità tra Tigers e Giants riflette la differenza tra Osaka e Tokyo: la capitale è percepita come più tesa.

READ  La visione del designer giapponese per tessuti belli e durevoli

“I Giants non hanno fan così appassionati”, ha detto Angel, vestito con un completo costume da tigre completo di pittura per il viso a righe.

“Supportano la loro squadra solo quando stanno andando bene. All’improvviso li abbandonano quando non stanno andando bene”.

‘Vincere o perdere’

Al momento, sono le Tigri che sicuramente non stanno andando bene.

Hanno fatto il loro peggior inizio di stagione, perdendo 18 delle prime 21 partite.

Kawase, che indossa un kimono, dice che i fan sono pronti a fischiare i giocatori per le scarse prestazioni, ma dice che quelli che lo fanno “non sono veri sostenitori di Hanshin”.

“Se vinciamo il resto delle nostre partite in questa stagione, vinceremo il titolo, è così che i fan si consolano a vicenda”, ha detto.

“Che vinciamo o perdiamo, se giocano i Tigers, andremo a guardarli”.

Non è stato fissato alcun calendario per la fine del divieto di tifo in Giappone, ma i fan dei Tigers sono in gran parte rassegnati a continuare per almeno qualche altro mese.

I fan guardano una partita allo stadio Koshien di Hanshin Tigers vicino a Osaka
I fan guardano una partita allo stadio Koshien di Hanshin Tigers vicino a Osaka Filippo FONG AFP

Desiderano cantare l’inno della squadra “Rokko Oroshi” e rilasciare palloncini in cielo dopo il settimo inning, una tradizione che è stata anche messa in ghiaccio dalla pandemia.

Kawase dice che non vede l’ora di sentire “l’unione” nello stadio quando le regole saranno finalmente revocate.

“Quando avrai decine di migliaia di persone che si esprimono tutte senza doversi preoccupare, sarà un’atmosfera straordinaria”, ha detto.