Dicembre 6, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Gli Stati Uniti esortano il Giappone a tagliare le operazioni di criptovaluta in Russia

Gli Stati Uniti hanno chiesto al Giappone di aumentare la pressione sugli scambi di criptovaluta e sui minatori del paese, esortandoli a interrompere i legami con la Russia nel tentativo di isolare ulteriormente finanziariamente il paese dal mondo esterno.

La richiesta dei diplomatici statunitensi è stata indirizzata a molti dei 31 giapponesi licenza ufficiale scambi di criptovalute che sono ancora in esecuzione in Russia, secondo persone vicine alla situazione.

I diplomatici hanno chiesto a Tokyo di concentrarsi sull’arresto delle operazioni di mining di criptovaluta con sede a la regione di Irkutsk in Siberia, hanno detto due persone che hanno familiarità con la questione.

L’area è favorita per le operazioni minerarie perché le sue temperature relativamente basse richiedono meno raffreddamento e per la disponibilità di energia idroelettrica a basso costo.

In risposta, i rappresentanti di del Giappone Secondo persone vicine a tre scambi, l’Agenzia per i servizi finanziari ha rinnovato la richiesta che gli scambi giapponesi che supervisionano taglino qualsiasi relazione sopravvissuta.

Alla domanda sulla richiesta, l’FSA e l’ambasciata americana a Tokyo hanno rifiutato di commentare. Il dipartimento di stato americano ha affermato che Washington ei suoi alleati erano “uniti nella nostra determinazione a ritenere la Russia responsabile” della guerra contro l’Ucraina. “Continueremo a valutare l’impatto delle nostre misure e siamo pronti ad adottare ulteriori misure”, ha affermato un portavoce del dipartimento di Stato.

Dall’invasione russa dell’Ucraina, l’amministrazione del primo ministro Fumio Kishida è stata ai dolori rimanere al passo con gli Stati Uniti e gli alleati sulle sanzioni contro il regime di Vladimir Putin e sugli sforzi per ridurre al minimo gli affari giapponesi in Russia.

La decisione di Washington di fornire informazioni su possibili operazioni di mining di criptovalute giapponesi in Russia faceva parte di uno sforzo per mantenere la pressione su Putin mentre la guerra continua, hanno affermato le persone informate sulla questione.

READ  Il Giappone domina il Canada in rotta verso la vittoria per 4-0 alla Coppa del Mondo femminile FIFA Under 17

FSA giapponese, che regola le licenze del paese criptovaluta scambi, ha risposto rapidamente all’invasione russa dell’Ucraina.

Il 14 marzo, la FSA ha chiesto formalmente agli scambi di monitorare eventuali conti o transazioni che comportano il movimento di beni di qualsiasi persona o entità soggetta a sanzioni.

La richiesta ha fatto seguito a una modifica di emergenza al Foreign Exchange and Foreign Trade Act del Giappone, che ha portato le criptovalute e altre risorse digitali sotto il suo ombrello e ha rafforzato i poteri del governo per arginare il loro flusso in entrata e in uscita dal Giappone.

L’avviso della FSA non chiedeva direttamente agli scambi di chiudere alcuna operazione in Russia, ma alcune società l’hanno interpretata in questo modo e diverse hanno smesso di funzionare nel paese quel mese, secondo persone vicine alla situazione.

Decurret, uno scambio di criptovalute, ha affermato che dopo l’invasione e l’avviso della FSA aveva deciso di sospendere le sue operazioni in Russia.

Molti degli scambi contattati dal FT hanno affermato di non avere attualmente alcuna operazione in Russia. Un alto dirigente di uno scambio ha affermato di essere a conoscenza di almeno una compagnia mineraria che aveva interrotto le sue relazioni con la Russia a giugno dopo la richiesta degli Stati Uniti.

Tuttavia, alcuni scambi e attività di mining di criptovalute hanno sviluppato una complessa rete di filiali per continuare a lavorare con le loro operazioni russe, un’accusa sollevata anche dai diplomatici statunitensi, hanno affermato persone vicine alla situazione.

L’ex capo di uno scambio, in condizione di anonimato, ha confermato che gli scambi di criptovalute giapponesi hanno subito una recente intensificazione della pressione per trasferire qualsiasi operazione mineraria o di back-office fuori dalla Russia.

READ  Il dollaro sta salendo mentre l'inflazione crea tassi più alti

Ma la persona ha aggiunto di essere a conoscenza di almeno uno scambio che aveva deciso di mantenere la propria attività lì, aggirando il regolamento istituendo una società di comodo a Singapore e instradando i pagamenti attraverso quella.

Ulteriore segnalazione di Felicia Schwartz a Washington