Gennaio 22, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Gli Stati Uniti e il Giappone stanno tenendo colloqui strategici a seguito di un nuovo accordo sulle truppe

Gli alti funzionari statunitensi e giapponesi stanno tenendo colloqui strategici e di sicurezza giovedì, due settimane dopo che i negoziatori hanno concluso una serie di pagamenti dell’era Trump, principalmente concordando una nuova formula per pagare una presenza militare statunitense in Giappone.

L’incontro virtuale tra i ministri degli esteri e della difesa degli Stati Uniti e del Giappone arriva tra le crescenti tensioni tra alleati e Cina, una preoccupazione sollevata giovedì in occasione della firma di un accordo di difesa tra Giappone e Australia. Fatta eccezione per gli Stati Uniti. I colloqui sono arrivati ​​poco dopo che la Corea del Nord ha testato un nuovo missile.

Il portavoce del Dipartimento di Stato Nate Price ha affermato che l’incontro esplorerà “modi per rafforzare e modernizzare l’alleanza tra Stati Uniti e Giappone per promuovere una regione indo-pacifica indipendente e aperta”.

Ma l’agenda potrebbe essere complicata dall’aumento dei casi di coronavirus. Poche ore prima dell’inizio dei negoziati, il Giappone ha chiesto agli Stati Uniti di bloccare le basi militari statunitensi sul proprio suolo a causa della diffusione del Covit-19.

Il ministro degli Esteri giapponese Yoshimasa Hayashi ha fatto la richiesta al ministro degli Esteri Anthony Blingen in una telefonata prima di un incontro chiamato “2 + 2” giovedì, insieme al ministro della Difesa giapponese Lloyd Austin, insieme a Blingen e Hayashi. Il ministro della Difesa Nobuo Kishi.

L’incontro si svolgerà in videoconferenza a causa delle preoccupazioni per il COVID, soprattutto dopo che Austin è stato testato positivo al virus e isolato a casa con quelli che il suo portavoce John Kirby ha descritto come sintomi lievi.

Hayashi ha affermato che Blingen aveva promesso che gli Stati Uniti avrebbero fatto del loro meglio per garantire la salute delle persone, ma non era immediatamente chiaro se sarebbe stato imposto un coprifuoco di base. Le forze statunitensi in Giappone non hanno commentato la richiesta, ma hanno affermato che un gruppo stava monitorando casi e tendenze.

READ  L'ambasciatore del Giappone si ritira dalla conferenza stampa degli Stati Uniti sulla disputa sull'isola con l'ambasciata coreana

La richiesta di Hayashi è arrivata mentre le forze armate statunitensi stanno garantendo misure più rigorose, inclusa la richiesta a tutto il personale, anche quello vaccinato, di indossare maschere fino al terzo test negativo del virus corona.

Le forze statunitensi sono state criticate dopo un aumento dei casi di virus corona in un gran numero di aree, tra cui Okinawa e Iwakuni nel sud del Giappone. Secondo l’USFJ, ci sono ora un totale di 1.784 casi di COVID-19 tra le forze statunitensi in Giappone, un terzo dei quali a Okinawa. Ivaguni ha registrato 529 casi.

Eppure il governo del primo ministro giapponese Fumio Kishida vede chiaramente un vantaggio per la presenza militare degli Stati Uniti e ha concordato un nuovo accordo di condivisione dei costi con gli Stati Uniti poco prima di Natale, che dovrebbe essere firmato ufficialmente venerdì a Tokyo.

L’ex presidente Donald Trump ha incolpato il costo del mantenimento delle forze statunitensi all’estero e ha chiesto che molti dei paesi ospitanti, incluso il Giappone, paghino significativamente più di quanto fossero disposti a fornire, il che peggiorerebbe le relazioni con gli alleati in Asia e in Europa.

L’amministrazione del presidente Joe Biden ha cercato di alleviare queste differenze e di risolvere lo stallo di spesa con la Corea del Sud lo scorso aprile. L’accordo di consenso del 21 dicembre con il Giappone sul nuovo “Accordo sulle operazioni speciali” quadriennale è un altro risultato concreto di tale politica.

Kishi ha affermato che entrambe le parti hanno aperto la porta alle forze armate statunitensi per stabilire una nuova base sul suolo giapponese e la Kyoto News Agency ha riferito il 23 dicembre che gli eserciti giapponese e statunitense avevano preparato una bozza di piano congiunto per una possibile emergenza di Taiwan. Come una lotta tra le forze cinesi e taiwanesi.

READ  Sequenza della partita Tennis-Australian Open di lunedì

Secondo i termini dell’accordo di accoglienza, che durerà fino al 2026, il Giappone spenderà circa 1,82 miliardi di dollari all’anno per sostenere la presenza militare degli Stati Uniti. Il GAO afferma che gli Stati Uniti hanno circa 55.000 truppe in Giappone, inclusa una forza navale che costituisce la più grande forza americana avanzata del mondo.

L’accordo “promuove maggiori investimenti reciproci nella difesa e migliora la mobilità delle nostre forze e include un aumento dei contributi di condivisione dei costi dal Giappone”, ha affermato il Dipartimento di Stato in una nota.

Oltre ad affermare questi termini, gli Stati Uniti e il Giappone sperano di aumentare la cooperazione e il coordinamento contro il crescente impegno della Cina nella regione indo-pacifica ed esplorare modi per riportare la Corea del Nord al tavolo dei negoziati sul suo programma di armi nucleari.

Per quanto riguarda la Cina, gli Stati Uniti e il Giappone fanno già parte del cosiddetto “Quad”, che comprende Australia e India, e mira a smussare quella che è considerata occupazione cinese, soprattutto nel Mar Cinese Orientale e Meridionale. Biden ha tenuto due riunioni di quei leader da quando è entrato in carica l’anno scorso.

Come parte degli sforzi del Giappone, Jupiter in precedenza aveva firmato un accordo di difesa con l’Australia volto a rompere le barriere che consentivano alle proprie truppe di entrare in un altro paese per l’addestramento e altri scopi.

Allo stesso tempo, gli Stati Uniti e il Giappone sono sempre più preoccupati per le minacce della Corea del Nord di lanciare un missile balistico in mare con il suo primo missile in circa due mesi mercoledì.

READ  Molti tornarono nell'ultima città deserta di Fukushima

Il test di mercoledì di un “missile ipersonico” nel Nord è stato ampiamente visto come un segnale che Pyongyang non era interessata a rientrare mai nei colloqui sul disarmo nucleare, ma piuttosto concentrata sull’aumento del suo arsenale.

Nonostante i ripetuti appelli dell’amministrazione Biden, il Nord si è rifiutato di riprendere le discussioni iniziali sulla questione nucleare. Pryce ha invitato il Nord ad astenersi da ulteriori test, affermando che violava le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e lo ha esortato a rispondere alle concessioni per riprendere i colloqui.