Agosto 7, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Gli interessi del Giappone per Sakhalin-2 messi in dubbio

Economia


Tokyo, 2 luglio (Jiji Press)–Poiché il governo russo ha deciso di impadronirsi efficacemente del progetto di sviluppo di petrolio e gas naturale Sakhalin-2, sta diventando sempre più poco chiaro se le principali società commerciali giapponesi possano mantenere i loro interessi nel progetto in Russia Lontano est.

Senza una fornitura stabile di gas naturale liquefatto dal progetto, il Giappone non avrà altra scelta che trovare un’opzione di fornitura alternativa in mezzo all’aumento dei prezzi del GNL innescato dall’invasione russa dell’Ucraina. Ciò potrebbe portare a un ulteriore aumento delle bollette di elettricità e gas in Giappone.

I principali commercianti giapponesi Mitsui & Co. e Mitsubishi Corp. detengono partecipazioni rispettivamente del 12,5% e del 10% in Sakhalin Energy Investment Co., l’operatore di Sakhalin-2.

Sakhalin-2 produce 10 milioni di tonnellate all’anno di GNL e circa 6 milioni di tonnellate della produzione annuale sono state spedite in Giappone, rappresentando quasi tutte le importazioni di GNL del Giappone dalla Russia. Il Giappone si affida alla Russia per il 9% degli approvvigionamenti di gas.

“Non è che perderemo immediatamente le importazioni da Sakhalin-2”, ha detto venerdì il ministro dell’industria Koichi Hagiuda in una conferenza stampa.

[Copyright The Jiji Press, Ltd.]

Jiji Press

READ  Du Toit trova la forma in Giappone: 'È diverso da quello a cui ero abituato'