Maggio 24, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Giappone e Australia pronte a sfruttare le riserve di petrolio se il conflitto ucraino dovesse colpire l’offerta

Un adesivo legge il petrolio greggio sul lato di un serbatoio di stoccaggio nel bacino del Permiano a Mentone, Loving County, Texas, USA, 22 novembre 2019. Foto scattata il 22 novembre 2019. REUTERS / Angus Mordant

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

MELBOURNE / TOKYO, 24 febbraio (Reuters) – Giappone e Australia hanno dichiarato giovedì di essere pronti a sfruttare le proprie riserve di petrolio, insieme ad altri paesi membri dell’Agenzia internazionale per l’energia (IEA), se le forniture globali fossero state colpite dagli ostelli in Ucraina.

I prezzi del petrolio hanno toccato il massimo degli ultimi sette anni di $ 100 al barile dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha autorizzato un’operazione militare nell’Ucraina orientale e si sono sentite esplosioni nella capitale ucraina di Kiev. Per saperne di più

Il Giappone ha affermato che lavorerà con le nazioni produttrici e consumatrici di petrolio e sosterrà un rilascio coordinato di petrolio dalle sue scorte di emergenza se richiesto dall’AIE.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

“La stabilizzazione del mercato del petrolio greggio è estremamente importante per la stabilità dell’economia mondiale e dell’economia giapponese”, ha affermato in una nota il ministero dell’Economia, del Commercio e dell’Industria.

Il ministro dell’energia australiano, Angus Taylor, ha affermato che Canberra sta lavorando a stretto contatto con gli Stati Uniti e l’AIE per monitorare i mercati del petrolio e del gas prima di qualsiasi mossa per sfruttare le piccole scorte che l’Australia detiene nella Strategic Petroleum Reserve (SPR) degli Stati Uniti.

“Anche se non possiamo controllare questi picchi di prezzo internazionali, stiamo monitorando da vicino la situazione con l’AIE e gli Stati Uniti e siamo pronti ad agire per aiutare ad alleviare queste pressioni”, ha affermato Taylor in una nota.

READ  Japan Gold Corp promuoverà potenziali clienti di alto livello nel progetto Ikutahara in Giappone con l'inizio del suo programma di esplorazione 2022

Questa settimana, l’AIE ha affermato che i paesi membri erano pronti ad agire insieme per garantire che i mercati petroliferi globali fossero adeguatamente riforniti.

Le scorte totali di petrolio nelle nazioni dell’AIE erano vicine a 4,16 miliardi di barili entro la fine di dicembre, di cui 1,5 miliardi detenute dai governi nelle riserve di emergenza, ha affermato l’AIE a febbraio. 22.

Entro la fine di dicembre, il Giappone deteneva 480 milioni di barili, o 240 giorni di riserve, in scorte nazionali e private e riserve sufficienti di gas naturale liquefatto (GNL), ha affermato il ministero dell’Industria.

L’Australia deteneva 1,7 milioni di barili nell’SPR statunitense.

I commercianti di petrolio in Asia hanno affermato che la preparazione per un rilascio coordinato del petrolio non ha avuto un grande impatto sui prezzi giovedì, poiché un rilascio precedente alla fine dell’anno scorso aveva coinvolto solo un piccolo volume e aveva un impatto limitato.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Reporting di Sonali Paul a Melbourne e Yuka Obayashi a Tokyo; Segnalazione aggiuntiva di Florence Tan a Singapore; Montaggio di Richard Pullin e Clarence Fernandez

I nostri standard: I principi di fiducia di Thomson Reuters.