Settembre 24, 2021

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Food Locker prende di mira il Giappone e tende imboscate con acquisti bancomat – Quartz

Hidefumi Hommyo ha avuto un inizio straordinario nel settore delle sneaker. Mentre studiava alla Temple University di Filadelfia, Homoeo, un giapponese che aveva familiarità con gli Stati Uniti, si rese conto che le scarpe da ginnastica rare in Giappone potevano essere trovate facilmente ed a buon mercato negli Stati Uniti. È sbarcato sulla costa orientale a metà degli anni ’90. Coppia, Ha ricordato in un podcast L’anno scorso, li ha venduti nei suoi negozi in Giappone per $ 400, dove i vestiti da strada e le scarpe da ginnastica sono i preferiti. Ha cominciato a partire.

Homeo ha attirato l’attenzione di Nike e quando ha aperto il suo prossimo negozio, ATMOs, nel 2000 come rivenditore tradizionale nel quartiere Harajuku di Tokyo, Nike è stato il suo primo venditore. Da allora, Adimos ha creato un profilo globale tra gli appassionati di sneaker, principalmente in collaborazione con i produttori di sneaker. Ora ha 49 negozi, di cui 10 negozi Giappone In città come New York e un notevole business digitale.

Il suo successo ha attirato un altro grande nome delle sneakers: lo ha annunciato oggi Food Locker I bancomat acquistano per $ 360 milioni.

L’acquisizione fornisce a Food Locker una “base strategica in Giappone” che la società stima vale 6 miliardi di dollari. Atmos si concentra sull’importanza di acquirenti giovani e intelligenti, conservandone solo una parte. Le sue vendite sono state di quasi $ 175 milioni l’anno scorso, secondo l’annuncio. Ma l’accordo aiuta anche ad espandere il food locker nel mercato asiatico in rapida crescita.

I piani di Food Locker per colpire il Giappone e gli sneakerhead

Sebbene Food Locker abbia un track record globale, è principalmente un’azienda americana. Al 30 gennaio 2021, che ha quasi 2.000 negozi negli Stati Uniti e i suoi vari marchi di negozi, tra cui Food Locker e Kids Food Locker e catene come Shampoo e Production. C’erano 848 negozi statunitensi specificamente nell’armadietto del cibo. Food Locker Asia, d’altra parte, aveva solo 20 negozi. (L’azienda non li scompone in base al paese.)

READ  Pollo fritto a tema Final Fantasy XIV rilasciato in Giappone

Atmos aumenta da subito la presenza del food locker nella terza economia mondiale. Food Locker beneficia anche dei canali digitali di Adimos, che lo scorso anno hanno rappresentato oltre il 60% delle sue vendite.

Allo stesso tempo, ha indicato come vantaggi strategici il marchio unico di bancomat di Food Locker e il potenziale per la “partnership di Food Locker, Inc.”. Presentazione sul contratto Preparati per gli analisti. Atmos è conosciuta nel mondo delle sneakers e degli sforzi per il suo gusto e per aver co-prodotto le collaborazioni più ambite del mercato. Food Locker è un rivenditore di massa, tuttavia si è affermato come un luogo per gli sneakerhead con il rilascio di sneaker come Jordan e Yesis. Con l’acquisizione di Adimos, Food Locker guadagna la sua credibilità culturale nelle scarpe da ginnastica e nelle scarpe da ginnastica, mentre Food Locker vede il potenziale per utilizzare l’esperienza di Adimos per lanciare le proprie collaborazioni.

Food Locker è diverso dal suo acquisto WSS

Food Locker ha anche annunciato un altro acquisto. Suo Acquisto WSS, Un rivenditore regionale con 93 negozi fuori dai centri commerciali nel sud-ovest degli Stati Uniti, afferma che c’è spazio per la crescita degli armadietti di cibo. Questi negozi di solito non si trovano nei centri commerciali, che potrebbero essere i centri commerciali con molti negozi statunitensi nel Food Locker, che possono aiutare in caso di calo del traffico. È importante sottolineare che il WSS ha un forte seguito tra la popolazione di acquirenti latini Potere di costo in crescita.

Food Locker ha pagato $ 750 milioni alla società, che ha venduto $ 425 milioni nell’anno fiscale 2020.

READ  La BOJ abbassa le previsioni di crescita del Giappone, pubblica il piano climatico