Maggio 24, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Factbox: i sussidi globali per il carburante aumentano per contrastare l’aumento dei prezzi dell’energia


FILE PHOTO: Un martinetto della pompa dell’olio stampato in 3D è visto davanti al grafico di scorta visualizzato in questa immagine illustrativa, 14 aprile 2020. REUTERS / Dado Ruvic / Illustrazione

SINGAPORE (Reuters) – I paesi hanno annunciato sussidi al carburante per attutire i consumatori dall’impatto dell’aumento dei prezzi dell’energia dopo che il petrolio è salito alle stelle la scorsa settimana ai massimi di 14 anni.

Ecco le misure annunciate:

GIAPPONE

Il ministero dell’Industria ha adottato una misura di emergenza temporanea il 15 gennaio. 27 per allentare i prezzi all’ingrosso e mitigare un forte aumento dei prezzi della benzina e di altri carburanti concedendo ai distributori di petrolio un sussidio di 3,4 yen ($ 0,0287) al litro.

Da allora il sussidio è aumentato quattro volte, l’ultima volta al limite massimo di 25 yen al litro da giovedì.

Tokyo sta valutando un nuovo pacchetto di incentivi che includa l’estensione del sussidio oltre la sua scadenza alla fine di questo mese, ha affermato mercoledì l’agenzia di stampa Kyodo.

Il governo sta anche valutando la possibilità di liberare una “clausola trigger” che rimuove parte della tassa sulla benzina quando il prezzo supera i 160 yen per più di tre mesi.

COREA DEL SUD

Seoul ha prorogato fino alla fine di luglio le tariffe in vigore dallo scorso novembre. 12, rasando le tasse di 164 won ($ 0,13), 116 won e 40 won rispettivamente per ogni litro di benzina, gasolio e gas di petrolio liquefatto (GPL).

Quella mossa ha fatto seguito all’annuncio di ottobre che la tassa interna sui principali prodotti petroliferi sarebbe stata temporaneamente ridotta di un quinto e la tariffa del gas naturale liquefatto (GNL) ridotta a zero dal 2%.

READ  Le azioni asiatiche hanno perso i posti di lavoro negli Stati Uniti, abbagliando le obbligazioni martello

FILIPPINE

Manila ha raddoppiato a 5 miliardi di pesos (95,88 milioni di dollari) un programma di sovvenzioni al carburante per il trasporto pubblico e raccomandato buoni carburante aggiuntivi per i produttori agricoli aumentando il budget a 1,1 miliardi di pesos da 500 milioni, in modo da tagliare i costi di input.

Le sovvenzioni, che entreranno in vigore questo mese e il prossimo, si aggiungono alle sovvenzioni in denaro svelate ad ottobre.

Il dipartimento dell’energia ha affermato che stava anche valutando ulteriori misure che richiederanno l’approvazione legislativa, come l’aumento dello stock tampone di benzina e diesel a 45 giorni da 30 e GPL a 15 giorni da sette.

Le Filippine prevedono di aumentare la fornitura di carbone per la produzione di energia e di eliminare temporaneamente le tariffe sul carburante.

MALAYSIA

La fattura dei sussidi petroliferi della Malesia quest’anno potrebbe più che raddoppiare a 28 miliardi di ringgit (6,67 miliardi di dollari) se i prezzi del petrolio rimarranno elevati, portando la sua fattura mensile a 2,5 miliardi di ringgit se il prezzo si mantiene sopra i 100 dollari al barile, ha affermato il ministro delle finanze.

Il gen. la spesa di 2 miliardi di ringgit per sussidi di benzina, diesel e GPL è un aumento di dieci volte rispetto all’anno. L’anno scorso, le sovvenzioni petrolifere ammontavano a 11 miliardi di ringgit.

FRANCIA

La Francia ha annunciato i piani a gennaio 25 per un’ulteriore riduzione del 10% dell’imposta sulle spese di trasporto per i pendolari.

Un mese prima delle elezioni presidenziali, il presidente Emmanuel Macron ha promesso misure per aiutare le famiglie a far fronte ai prezzi elevati del carburante. La Francia ha già speso 20 miliardi di euro (21,98 miliardi di dollari) all’anno per moderare i costi energetici, ha aggiunto.

READ  Il sondaggio "Tankan" in Giappone mostra che i produttori sono entusiasti

Dal 1 aprile, il gigante petrolifero TotalEnergies offrirà uno sconto di 10 centesimi al litro presso le stazioni di servizio nazionali, ha dichiarato su Twitter il suo amministratore delegato, Patrick Pouyanne.

BRASILE

Il Senato brasiliano ha approvato due progetti di legge la scorsa settimana per frenare gli aumenti dei prezzi del carburante con sussidi ed esenzioni fiscali, il che potrebbe essere una buona notizia per la compagnia petrolifera statale Petrobras, ma alla fine ridurrà le entrate fiscali statali.

Il primo disegno di legge prevede che il governo risarcisca i distributori di carburante se i prezzi internazionali salgono al di sopra di un intervallo accettabile per i prezzi nazionali.

Il secondo disegno di legge ha semplificato le misure sul calcolo della tassa statale ICMS sui prezzi di benzina, etanolo, diesel, biodiesel e GPL.

(Segnalazione di Isabel Kua a Singapore, Yuka Obayashi a Tokyo, Enrico dela Cruz a Manila, uffici Reuters; Redazione di Clarence Fernandez)

(c) Copyright Thomson Reuters 2022. Fare clic per le restrizioni –
https://agency.migration.com/en/copyright.html