Novembre 30, 2021

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Esclusivo-Major Toshiba si oppone alla divisione dei partner, esorta il comitato a chiedere concessioni


Foto del file: logo Toshiba Corporation sull’edificio accanto al segnale stradale il 9 novembre 2021 a Tokyo, Giappone. REUTERS / Issei Kato

di Makiko Yamazaki

TOKYO (Reuters) – Il secondo azionista di Toshiba Corp mercoledì si è opposto a un piano per dividere la società giapponese in tre società e ha chiesto invece concessioni ai potenziali acquirenti.

Hedge Fund 3D Investment Partners, che possiede oltre il 7% di Toshiba, ha scritto le sue obiezioni al consiglio di amministrazione della società in una lettera di tre pagine, diventando il primo grande azionista ad opporsi formalmente al piano delineato questo mese.

La lettera, vista da Reuters, evidenzia l’insoddisfazione degli azionisti per la proposta di Toshiba – che si riflette nella recente debole performance azionaria della società – e solleva la possibilità di una ripartizione per l’approvazione in un’assemblea degli azionisti all’inizio del prossimo anno.

Un portavoce di Toshiba ha affermato di non aver commentato le transazioni personali con gli azionisti. 3D ha rifiutato di commentare.

La ripartizione proposta è “improbabile” per risolvere uno qualsiasi degli attuali problemi di Toshiba e “probabilmente per creare tre aziende meno efficienti a immagine di Toshiba oggi”, afferma la lettera 3D con sede a Singapore.

Alcuni altri azionisti di hedge fund hanno anche detto a Reuters, in forma anonima, di essere rimasti delusi dal rifiuto da parte di Toshiba dell’idea di diventare privati.

Nella sua lettera, Toshiba ha affermato: “Dobbiamo aprire un processo formale, sviluppare un piano convincente per ogni azienda, fornire materiali di diligenza completi e riunioni di gestione alle parti finanziarie e strategiche interessate, promuovere e attuare le proposte di estensione di tali parti e valutare le migliori avanti”.

READ  Kavi è una teen star che ha conquistato nuovi fan per il "Generals Game" giapponese

Toshiba ha iniziato la sua revisione strategica dopo le pressioni degli investitori a seguito di un presunto scandalo amministrativo con il Ministero del Commercio giapponese per fare pressione sugli azionisti stranieri.

Studio di cinque mesi

Durante i cinque mesi di revisione, il team di revisione di Toshiba ha tenuto colloqui con sei società di private equity, tra cui KKR & Co e Brookfield, alla ricerca di idee strategiche, incluso un via libera privato.

Sebbene il panel di revisione non abbia condotto la procedura di offerta con la dovuta diligenza, ha suggerito che le negoziazioni con le società di private equity “non erano necessariamente convincenti rispetto alle aspettative del mercato”.

Il comitato di revisione, composto da cinque consiglieri di amministrazione esterni, ha affermato di non aver ricevuto alcuna proposta promettente per portare la società in privato. L’idea di andare in privato ha sollevato preoccupazioni all’interno di Toshiba.

Tuttavia, nella sua lettera – che è stata inviata anche al panel di revisione – ha criticato il team 3D per non aver ascoltato le proposte di vendita di Toshiba o per aver alterato parzialmente alcune delle sue attività.

“Le affermazioni scettiche sul modello di progetto impopolare di un team di gestione incoerente e sulla disciplina sembrano aver compromesso la dipendenza del suo (comitato) sul morale dei clienti e le preoccupazioni dei clienti sulla diversa struttura proprietaria”, ha affermato il fondo.

Fondato nel 2015 dall’ex banchiere di Goldman Sachs Kanya Hasekova, 3D è uno dei una dozzina di hedge fund stranieri che hanno partecipato all’iniezione di capitale di 5,4 miliardi di dollari che Toshiba ha ricevuto durante la crisi causata dal fallimento della sua unità nucleare statunitense nel 2017.

READ  Westbok esce dall'assicurazione sulla vita con la vendita di $ 660 milioni di unità al giapponese Tai-Ichi

Toshiba prevede di effettuare la transizione entro marzo 2024.

Fondata nel 1875, Toshiba prevede di riunire le sue divisioni energetiche e infrastrutturali in un’unica società, mentre le attività relative ai dischi rigidi e ai semiconduttori di potenza costituiranno la spina dorsale di un’altra. La società di chip di memoria flash Kioxia deterrà un terzo della partecipazione di Toshiba in Holdings e altre attività.

Le azioni di Toshiba sono scese di oltre il 4% da quando il piano è stato annunciato per la prima volta dal quotidiano economico Nikkei l’8 novembre.

Il titolo è sceso dell’1,2% a 4.688 yen contro il calo dello 0,7% dell’indice Nikkei di riferimento mercoledì.

(Relazione di Magiko Yamazaki; Montaggio di David Tolan e Christopher Cushing)

(C) Brevetto Thomson Reuters 2021. Fare clic per le restrizioni –
https://agency.reuters.com/en/copyright.html