Dicembre 8, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Dopo un anno di assenza, Rui Hachimura torna in Giappone

TOKYO — I Rui Hachimuras si sono riversati nella palestra con luci gialle con le altre 120 circa persone che indossavano credenziali, un miscuglio di giornalisti americani e giapponesi, influencer dei social media, partner di sponsorizzazione e tre enormi ragazzi vestiti con abiti da sumo. Tutti si sono infilati in due piccoli appezzamenti di campo contrassegnati per le interviste tranne, per fortuna, i tre ragazzi vestito con abiti da sumo.

I membri della stampa che indossano la maglia di un giocatore che coprono farebbero alzare le sopracciglia negli Stati Uniti. Ma giovedì al Minato Sports Center, la manciata di uomini che indossava la maglia rossa n. 8 Washington Wizards mentre si caricavano le videocamere sulle spalle o si giravano filmati sugli smartphone è passato in gran parte inosservato.

È stato un caloroso benvenuto a casa per la più grande esportazione del basket giapponese.

Il piano dei Wizards per resistere a un volo di 14 ore prevede bistecca e uova

Hachimura – l’originale – è tornato nel suo nativo Giappone quando i Wizards sono atterrati mercoledì prima di un paio di partite di preseason contro i Golden State Warriors che si sarebbero giocate alla Saitama Super Arena venerdì e domenica sera in Giappone.

È la prima volta che Hachimura è a casa da quando lui portava la bandiera del suo paese alle cerimonie di apertura delle Olimpiadi di Tokyo poco più di un anno fa. Come ha mostrato l’orda di stampa, questi giochi differiranno da quelli a cui ha giocato un anno fa poiché il Giappone continua a revocare le sue precauzioni contro la pandemia.

Il gruppo di giornalisti che Hachimura ha affrontato ai Giochi estivi non era la metà del contingente di giovedì e i due metri di distanza tra il giocatore e la stampa nell’era della pandemia si sono ridotti a pochi centimetri. All’inizio di venerdì, ci saranno fan sugli spalti per il primo spettacolo della NBA in Giappone da quando Toronto e Houston si sono affrontate nel 2019.

READ  Nessuna preoccupazione per la domanda statunitense per ora, afferma Subaru in Giappone

“Questo mi ricorda quando sono stato arruolato”, ha detto Hachimura. “È passato un po’ di tempo dall’ultima volta che mi sentivo così.”

Nonostante la sua rinnovata intimità con l’obiettivo della fotocamera, Hachimura rimarrà a distanza dai fan giapponesi per la maggior parte del breve soggiorno dei Wizards.

È in contrasto con la trasferta di Washington del 2013 a Rio de Janeiro con Nene, dove la squadra ha giocato solo una partita e il nativo brasiliano ha avuto il tempo di ospitare una clinica e interagisci con tutti i fan stipati nell’affollata palestra. In Giappone, Washington deve spremere due partite e due allenamenti in quattro giorni sul campo, il che significa che la trasferta di giovedì mattina alla Tokyo Tower per un servizio fotografico salutare è stata una delle poche uscite senza pranzo che la squadra ha programmato.

La mancanza di tempo per affrontare potrebbe essere una buona cosa per Hachimura.

Il ritorno a casa del 24enne segna un anno da allora si è diffusa la notizia che Hachimura sarebbe rimasto fuori per una parte della scorsa stagione per motivi di salute mentale e esaurimento dopo anni di basket ininterrotto tra doveri della squadra nazionale, pallone del college e NBA.

Dopo la sua apparizione come portabandiera a Tokyo, Hachimura ha dovuto affrontare un’ondata di commenti brutti e razzisti sui social media giapponesi, nonostante l’orgoglio che molti provavano per il fatto che il primo giocatore giapponese mai scelto nel primo round del draft NBA fungesse da volto del paese . . Naomi Osaka, la quattro volte campionessa di tennis del Grande Slam che è anche birazziale, ha affrontato molestie simili dopo aver acceso il calderone olimpico e poi aver perso la partita del terzo turno con un colpo di scena a sorpresa.

READ  Wild Knights, Sungoliath si incontreranno nella finale della Japan League One | Notizie di Taiwan

I Maghi, che hanno seguito l’esempio di Hachimura nel parlare del suo tempo lontano come una tregua per la salute mentale senza menzionare specificamente il razzismo che deve affrontare, erano consapevoli del potenziale di sovraesposizione durante il viaggio di questa settimana. In una conferenza stampa la scorsa settimana, il presidente e direttore generale di Wizards Tommy Sheppard ha affermato che Hachimura è stato in grado di completare molti dei suoi doveri di sponsorizzazione prima che la squadra arrivasse in Giappone, consentendo all’attaccante di concentrarsi sul basket.

Anche con un programma snello, Hachimura ha un ruolo enorme da svolgere. È un ambasciatore della NBA in Giappone e una guida turistica de facto per i suoi compagni di squadra: due lavori che sembra apprezzare.

“Posso immaginare che significhi un bel po'”, ha detto l’allenatore dei Wizards Wes Unseld Jr.. detto all’inizio di questa settimana. “Solo l’opportunità di essere il volto della nostra franchigia mentre siamo sul campo, ma può anche guidare la carica in alcune di quelle esperienze per soli giocatori o di legame di squadra”.

Hachimura ha risposto alle domande dei compagni di squadra sui cibi da provare, dove fare acquisti (non importa quanto sia stretto il programma, c’è sempre tempo per fare acquisti) e le sfumature della cultura giapponese. Giovedì alle prove libere l’allenatore e il direttore generale della nazionale maschile giapponese. Hachimura ha detto che sei o sette membri della sua famiglia potranno vederlo giocare di persona questo fine settimana.

“L’intero basket giapponese, sta diventando più grande ogni anno. Lo sento”, ha detto Hachimura. “Non è solo il basket, ma l’intero atleta: lo sport sta diventando più grande. È una buona cosa. Vedo molti giapponesi che rappresentano il paese suonare in Europa o negli Stati Uniti, in tutto il mondo. Si sente bene.”

READ  Graziose bare rosa in cui dormire ora in vendita in Giappone, realizzate da artigiani locali di Tokyo 【Foto

Kristaps Porzingis di Wizards è più snello e inizia l’anno senza limitazioni

Hachimura non è l’unico pareggio dei giochi giapponesi. Sebbene abbia trascorso la maggior parte del tempo davanti ai giornalisti – era l’unico giocatore a parlare in inglese e giapponese – è stato felice di condividere parte del palco con Stephen Curry, Draymond Green e Klay Thompson dei Golden State.

Curry ha incontrato la megastar pop coreana Suga, del popolarissimo gruppo BTS, durante la parte degli allenamenti dei Warriors. Thompson ha cercato giocosamente di rovesciare un altro venerato visitatore, Hakuho Sho, il leggendario lottatore di sumo. Un piccolo gruppo di fan ha aspettato fuori dal Minato Sports Center per la fine degli allenamenti dei Warriors, uno dei quali trasportava il libro di memorie del 2019 di Andre Iguodala.

Ma Hachimura da solo porta con sé il rispetto – e la responsabilità – di un prestanome nazionale. Non importa quante persone tra la folla portano maglie con il suo cognome.

“Voglio fare questa cosa da quando ero un ragazzino. Finalmente sono qui, davvero di nuovo nel paese, il mio paese, per giocare contro i Warriors”, ha detto. “E’ una sensazione pazzesca. Sensazione incredibile, di sicuro.