Novembre 30, 2021

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Dopo la vittoria dell’NHK Trophy, la giapponese Uno è di nuovo in cima alla lista

Postato su: Cambiato:

Tokyo (AFP) – Il giapponese Shoma Uno ha dichiarato, dopo aver vinto l’NHK Trophy sabato, che stava “tornando alla vetta” nel pattinaggio di figura, il suo primo titolo importante in quasi tre anni.

Uno, che ha vinto una medaglia d’argento alle Olimpiadi di Pyongyang del 2018, ha segnato un punteggio individuale di 290,15 a Tokyo, battendo l’americano Vincent Zhou in un secondo.

L’ultimo grande successo di Uno è stato in quattro continenti nel febbraio 2019, in seguito al quale ha deciso di smettere di pattinare durante l’incantesimo sterile.

Ma ha detto di aver ritirato il suo mojo dopo essersi qualificato per la finale del Gran Premio del mese prossimo con una vittoria sabato, in assenza del campione olimpico infortunato Yusuru Hanyu.

“Non sono stato in grado di salire sul palco per alcuni anni e finalmente sto lottando di nuovo per il primo posto”, ha detto Uno.

“Non voglio essere soddisfatto di questa decisione. Voglio avere un obiettivo più alto”.

Hanyu si è ritirato dalla competizione la scorsa settimana dopo aver subito un infortunio ai legamenti della caviglia in allenamento.

Dopo aver vinto il titolo di Skate America davanti a Uno il mese scorso, Zhou non vede l’ora che arrivi la sua seconda vittoria del Grand Prix della stagione.

Ma un free skate fuori posto lo ha portato al secondo posto con 260,69, davanti al sudcoreano Cha Jun-hwan a 259,60.

Zoo, che si è qualificato per la finale del Grand Prix, ha dichiarato: “Voglio fare meglio e sfruttare l’opportunità qui, ma per fortuna queste non sono le Olimpiadi”.

READ  Le aziende giapponesi stanno gradualmente superando le spese colpite dall'inflazione delle materie prime: sondaggio Reuters

“Penso che sia bene toglierlo dal mio sistema ora, perché non sono io.”

“Buona direzione”

Nell’evento femminile, la giapponese Kaori Sakamoto ha vinto con 223,34 punti, nettamente dietro ai 205,44 punti di Mana Kawabe.

Sakamoto esegue una nuova routine di skate gratuita in questa stagione – “No More Fight Left in Me” e “Tris” – e ammette di essersi sentito “perso” in estate.

La giapponese Kaori Sakamoto vince il titolo femminile all’NHK Trophy Charlie Triballo Afp

Ma Skate, che è arrivato quarto negli Stati Uniti, ha detto che ora “sta andando nella giusta direzione” e sembra pronto a qualificarsi per le finali del Grand Prix.

“Se ripenso a dove ero un mese fa, non avrei mai immaginato di poter agire come ho giocato oggi”, ha detto.

Kawabe era in ritardo per l’infortunio di Rica Kihira e aveva la possibilità di finire secondo nel programma ristretto.

Il diciassettenne è caduto presto nel suo pattino libero, ma ha vinto la medaglia d’argento più del sudcoreano Yu Young era al terzo posto.

“Ho fatto un errore sul mio asse, ma sono riuscito a metterlo dietro di me e pattinare tranquillamente, penso che sia lì che sono cresciuto come pattinatore”, ha detto Cowabe.

“È il miglior punteggio complessivo personale, quindi sono molto felice”.

I russi Anastasia Mishina e Alexander Kaliamov hanno vinto il titolo di doppio con un punteggio di 227,28, il più alto di sempre al Grand Prix.

I campioni del mondo, che giocano per la prima volta in questa stagione, sono davanti ai loro compagni di squadra Evgenia Tarasova e Vladimir Morozov, che hanno segnato 213,27.

READ  Toyota chiude la filiale per mancanza di ricambi

La Russia ha vinto anche la danza sul ghiaccio, con Victoria Sinitsina e Nikita Katsalapov in testa al palco con 215,44 punti.

Madison Zack e Evan Bates degli Stati Uniti sono stati secondi con 210,78 punti, seguiti da Lila Fear e Louise Gibson del Regno Unito con 191,91 punti.