Maggio 29, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Di quante penlight otaku hai bisogno per sopravvivere a un blackout in Giappone?

Illumina l’oscurità con un po’ d’amore del tuo idolo.

In Giappone, le “penlights” sono bastoncini luminosi comunemente usati dagli otaku, che li portano con sé alle esibizioni dal vivo, dove li agitano tra il pubblico mentre eseguono movimenti coordinati in sincronia con i loro amati artisti sul palco.

Dopo il concerto, queste torce diventano un ricordo affettuoso di un buon tempo trascorso bene, quindi di solito vengono conservate a casa con altri cimeli correlati in preparazione per il prossimo grande evento. Poiché sono disponibili in un’ampia varietà di colori e design, è facile accumularne un gran numero, ed è quello che è successo al nostro giornalista in lingua giapponese e artista manga residente Udonko.

Lei e sua sorella hanno attualmente 11 torce in casa in totale, e da quando Udonko ha rinunciato a partecipare ai concerti a causa della pandemia, ha pensato a come potrebbe essere in grado di usarle nella vita di tutti i giorni.

Così una notte, mentre stava ripulendo i cassetti, raccolse tutte le torce e decise di scoprire quanto sarebbero state brave ad illuminare l’oscurità della sua casa in caso di blackout.

Udonko è un fan di Musical: Touken Ranbuuna serie di musical teatrali basati sul browser game online Touken Ranbu, quindi le sue torce sono decorate con il marchio della serie.

Sua sorella, d’altra parte, è una grande fan della popolare unità vocale maschile giapponese composta da quattro membri Urashimasakatasenquindi le sue torce sono marchiate con i loro loghi e i nomi dei membri.

Tutte queste torce hanno fatto un ottimo lavoro nell’illuminare i cuori di Udonko e di sua sorella durante le esibizioni dal vivo, quindi nell’evento snervante di un blackout sarebbero anche in grado di fornire un senso di conforto.

READ  Il Giappone invierà FM all'inaugurazione del presidente della Corea del Sud

Quindi ha spento gli interruttori di casa sua per simulare un blackout e, poiché vive in campagna, la sua casa è diventata nera come il jet.

L’uso di torce in un blackout è qualcosa che ha recentemente suscitato un po’ di scalpore online, poiché le persone hanno condiviso le foto dei bastoncini luminosi che illuminano l’oscurità dopo che un recente terremoto in Giappone ha causato blackout diffusi.

Le torce che ha visto in questi post virali sembravano creare un bagliore sufficiente per competere con una torcia di emergenza, ma l’effetto funzionerebbe anche nella casa di Udonko? Ha acceso ciascuno, uno per uno, e

… Ta daaaa!

Udonko sentì le stesse farfalle di eccitazione che cominciavano ad agitarsi nella sua pancia come prima di uno spettacolo dal vivo, solo che questa volta non c’era nessuno in giro tranne lei e sua sorella.

Penna Le torce brillavano intensamente, producendo così tanta luce da proiettare ombre sulle tende.

Durante un precedente esperimento con la torcia, Udonko lo aveva scoperto la luce di una torcia poteva essere visto da una distanza di 200 metri (656 piedi). Tuttavia, questa è stata la prima volta che ha sperimentato più torce insieme, e anche lei è rimasta sorpresa da quanta luce hanno prodotto.

Con tutte e 11 le torce accese, è diventato abbastanza luminoso da poter lavorare nella stanza. Ovviamente, la luce non era brillante come una lanterna o una lampada da terra, ma Udonko poteva vedere chiaramente tutto intorno a lei e sarebbe stata felice di leggere o scrivere alla luce di una penna se non ci fossero altre fonti di luce disponibili.

READ  Buoni, voucher per hotel, auto: le città del Giappone offrono incentivi per gli scatti Kovit-19

Quindi di quante torce avresti bisogno in caso di blackout? Ebbene, 11 era un po’ eccessivo, anche per gli standard di Udonko amante delle torce, quindi li ha scacciati uno per uno, finché non c’è stata una solitaria torcia che illuminava l’oscurità.

Come puoi vedere dall’immagine sopra, hai solo bisogno di una torcia per aiutare a guidare la strada in un blackout. Il risultato potrebbe essere stato un gioco da ragazzi per alcuni, ma Udonko non lascia mai le cose al caso e, attraverso il suo esperimento, ha scoperto che in realtà devi assicurarti che la torcia che usi sia una semplice e dai colori brillanti, come alcuni di lei torce più decorative non riuscivano a proiettare abbastanza luce per cavarsela nell’oscurità nera come il jet.

Quindi la prossima volta che ti ritrovi al buio senza una torcia, puoi sempre prendere una torcia. Questa è una giustificazione sufficiente per Udonko per fare scorta di più di queste luci a bastoncino, e potrebbe persino usarle per un po’ di anche a casa wotagei ballando.

Foto © SoraNews24
● Vuoi conoscere gli ultimi articoli di SoraNews24 non appena vengono pubblicati? Seguici su Facebook e Twitter!
[ Read in Japanese ]