Maggio 24, 2022

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Coppa d’Asia femminile AFC: la Cina elimina il Giappone, campione in carica, per affrontare la Corea in finale

La candidatura del Giappone per una tripletta dei titoli dell’AFC Women’s Asian Cup è crollata giovedì quando la campionessa in carica è stata eliminata dalla Cina 4-3 ai rigori nella seconda semifinale allo Shree Shiv Chhatrapati Sports Complex di Pune.

Niente ha separato le squadre alla fine dei tempi regolamentari (1-1) o ai tempi supplementari (2-2), ma il Giappone ha perso due occasioni ai calci di rigore per uscire dal torneo. Riko Ueki ha recitato per il Giappone con una doppietta mentre Wu Chengshu e Wang Shan Shan hanno segnato per l’eventuale finalista. La Cina, che non vince la Coppa d’Asia femminile AFC dal 2006, affronterà la Corea in finale il 6 febbraio sperando di conquistare la nona corona da record.

CORRELATI |
WAC 2022: la Corea passa alla finale inaugurale dopo la vittoria per 2-0 sulle Filippine

Il Giappone ha iniziato la partita alla grande e ha preso il comando grazie al gol di Ueki al 19′. Il campione in carica, però, ha perso la trama quando la Cina ha segnato entro un minuto dall’inizio del secondo tempo. Il subentrato Xiao Yuyi ha impostato Chengshu con un cross che quest’ultimo ha lanciato per il pareggio.

È stato un passaggio di gioco poco entusiasmante per il Giappone da allora in poi, senza nulla che separasse le due squadre alla fine dei tempi regolamentari. Il titolare ha lottato per infilare passaggi o finire con sicurezza le molte mezze possibilità create.

Il Giappone ha utilizzato una sola sostituzione nei primi 90 minuti, con l’espulsione di Mana Iwabuchi. È stata una decisione piuttosto sconcertante, soprattutto con la squadra che lotta per portare la creatività al suo attacco.

Il gol di Ueki ai supplementari ha dato energia alla squadra giapponese, che ha poi creato tante occasioni, comunque convincenti o meno, e ha tenuto sotto pressione il portiere cinese. La Cina manca di sicurezza in attacco, con l’unico gol in più proveniente da un calo di concentrazione dei giapponesi, ma trova fiducia nell’emozionante pareggio di Shan Shan ai tempi supplementari.

I giocatori di entrambe le squadre erano in difficoltà alla fine dei tempi supplementari e Zhang Xin e Saki Kumagai hanno sbagliato i calci di rigore all’inizio dei rigori. Anche Moeka Minami ha mancato il suo tiro mentre gli Steel Roses hanno tenuto i nervi saldi per raggiungere la finale.