Settembre 24, 2021

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Biden prende Burns come ambasciatore cinese; Emanuele in Giappone

Il presidente Joe Biden propone di nominare l’ex alto funzionario del Ministero degli Esteri Nicholas Burns come ambasciatore in Cina e l’ex sindaco di Chicago Rahm Emanuel come ambasciatore in Giappone.

Venerdì la Casa Bianca ha annunciato ufficialmente le raccomandazioni previste.

Emanuel è un ex membro del Congresso tre volte che è stato il primo capo della Casa Bianca del presidente Barack Obama e consigliere senior dell’amministrazione del presidente Bill Clinton.

Se confermato dal Senato, Emanuel sarà inviato a Tokyo in un momento critico nelle relazioni USA-Giappone mentre si concentra sulla Cina poiché Biden dà priorità al rafforzamento dei legami con gli alleati del Pacifico.

Biden ha scelto Burns per diventare un esperto ufficiale del servizio estero e ha servito come suo ambasciatore per la missione diplomatica più difficile. Il presidente ha ripetutamente definito la Cina il più importante rivale economico della Cina e una crescente preoccupazione per la sicurezza nazionale, e in seguito ha cercato di concentrare la sua politica estera sul Pacifico all’inizio della sua amministrazione.

La Casa Bianca ha anche annunciato che Biden sta toccando Michael Bor, un ex diplomatico, accademico e pastore militare che ha servito come ambasciatore in Tanzania. È il vicepresidente/prevosto del National Underground Railway Independence Center di Cincinnati, Ohio. In precedenza è stato rappresentante degli Stati Uniti presso la Commissione economica per l’Africa delle Nazioni Unite e ambasciatore degli Stati Uniti presso l’Unione africana ad Addis Abeba, in Etiopia.

Biden intendeva nominare Emanuel come suo segretario ai trasporti, ma alla fine lo ha superato di fronte alla feroce opposizione di alcuni membri della fazione democratica liberale, che durante il suo tempo ha avuto problemi a registrare la chiusura della polizia e delle scuole nei quartieri neri. Come sindaco di Chicago.

READ  Risultati del baseball olimpico di Tokyo 2020: gli Stati Uniti battono la Corea del Sud in testa al Messico

Emanuel è stato consigliere informale per la campagna della Casa Bianca di Biden ed è stato una forza significativa nella politica democratica negli ultimi tre decenni.

Ha lasciato il Congresso per servire come capo della prima Casa Bianca di Barack Obama, aiutando il presidente a guidare la sua legge sulla sanità ea spingere per un massiccio stimolo sulla scia della Grande Recessione.

Nel 2006, in qualità di capo raccolta fondi per House Democrats, è stata l’ideatrice dell’ondata elettorale che ha dato al suo partito la maggioranza per la prima volta in una dozzina di anni, rendendo Nancy Pelosi la prima donna oratrice della storia.

Come sindaco, Emanuel ha assunto diverse grandi aziende per trasferirsi a Chicago con tassi record di diplomati e i suoi principali successi nella terza città più grande del paese.

Ma i tassi di omicidi sono aumentati durante il suo mandato come sindaco, e ha dovuto affrontare critiche per il suo rapporto con il sindacato degli insegnanti di Chicago e per l’aumento degli obblighi pensionistici per i lavoratori della città. Gran parte dei problemi finanziari della città sono stati attribuiti al suo predecessore Richard M. Emanuel. Qualcosa dalla direzione di Daly.

Nel 2018, ha annunciato che non si sarebbe candidato a sindaco per la terza volta mentre la città si prepara per l’indagine di alto profilo su un ufficiale di polizia bianco che ha sparato a un adolescente di colore in City Street, Lucan McDonald.

McDonald è stato colpito da 16 colpi di arma da fuoco nel 2014 in una delle numerose sparatorie di polizia di alto profilo contro uomini e donne di colore in tutto il paese, suscitando indignazione nazionale e scatenando un grande dibattito sulla polizia nelle comunità nere.

READ  Olympic-Baseball-USA batte la Corea del Sud e avanza ai quarti di finale con il Giappone

Emanuel, che ha affrontato la rielezione nel 2015, si è opposto alla pubblicazione di un video della sparatoria della polizia mentre le indagini proseguivano.

Dopo diversi mesi di contenzioso – e dopo che Emanuel è stato rieletto per un secondo mandato – il tribunale ha ordinato alla città di mostrare il filmato al pubblico. Il rapporto di Emanuel con la comunità nera di Chicago si è deteriorato dopo l’uscita del video.

In una dichiarazione, Emanuel ha sottolineato l’importanza del suo lavoro decennale con Biden e il rapporto USA-Giappone.

“L’alleanza tra gli Stati Uniti e il Giappone è il fondamento della pace e della prosperità nell’Indo-Pacifico libero e aperto e rappresenterò con orgoglio la nostra nazione come uno dei nostri più importanti partner globali in una delle regioni geopolitiche più importanti”. ha detto Emanuele.

Burns è stato in precedenza sottosegretario di Stato sotto il presidente George W. Bush e ambasciatore degli Stati Uniti in Grecia e nella NATO. È stato anche portavoce del Dipartimento di Stato e ha trascorso cinque anni nel Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, che ha unito le amministrazioni di Bill Clinton e George HW Bush.

Il suo servizio di funzionario del servizio estero comprende il Consolato Generale a Gerusalemme (1985-1987) e l’Ambasciata degli Stati Uniti in Egitto (1983-1985) e Mauritania (1980 Intern).

Burns è attualmente amministratore delegato dell’Aspen Strategy Committee e dell’Aspen Security Council. È anche professore di diplomazia e relazioni internazionali presso la Harvard Kennedy School.

Se il Senato confermerà, Burns andrà a Pechino in un momento difficile.

I funzionari dell’intelligence statunitense si stanno concentrando sulla determinazione dell’origine dell’epidemia del governo 19, inclusa una valutazione di 90 giorni, inclusa la possibilità di un laboratorio cinese.

READ  Il Giappone vince la medaglia da record alle Olimpiadi di Tokyo

Il presidente Xi Jinping è stato anche messo sotto pressione dalla repressione del governo sugli attivisti pro-democrazia a Hong Kong e dalla visione degli Stati Uniti delle violazioni dei diritti umani contro gli uiguri e le minoranze etniche nello Xinjiang occidentale come pratiche commerciali ingiuste e forzate.

La direzione ha accusato quattro cittadini cinesi di essere dietro il più grande hacking del software del server di posta elettronica Microsoft Exchange e di aver tentato di rubare segreti commerciali, tecnologia e ricerca sulle malattie statunitensi. La Cina ha negato le accuse di hacking e ha chiesto a Washington di far cadere le accuse contro i suoi cittadini.