Settembre 24, 2021

Basilicata Press

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

12 miglia in Giappone per richiedere asilo per Russian Swims

12 miglia in Giappone per richiedere asilo per Russian Swims

  • Il rifugiato ha nuotato dall’isola russa di Kunashir alla costa del Giappone
  • Le autorità giapponesi non hanno confermato l’identità del richiedente asilo russo
  • Una fonte anonima ha chiamato l’uomo, il 38enne Vos Phoenix Nogart.
  • Nokart è stato espulso dal Giappone nel 2011 per aver violato le regole sui visti
  • Kunashir fa parte delle Isole Curili, ancora contese da Russia e Giappone

Un uomo russo che ha nuotato per 12 miglia dall’isola di Kunashir controllata dalla Russia alla città costiera giapponese di Shibetsu ha chiesto asilo politico domenica.

Le autorità giapponesi non hanno ancora confermato ufficialmente l’identità del richiedente asilo russo, ma una fonte vicina alle indagini ha identificato l’uomo come Vos Phoenix Nogart, 38 anni, di Izhevsk.

È stato arrestato dalle autorità giapponesi e portato in una stazione di polizia a Hokkaido.

Una fonte anonima ha detto alla RIA Novosti, che gestisce la Russia, “Allora ci è venuto semplicemente in mente. Ha attraversato 12 miglia d’acqua nuotando.

Secondo quanto riferito, Nokart è stato espulso dalle autorità giapponesi nel 2011 per aver violato le regole sui visti e detiene il record per la creazione di documenti ufficiali di espulsione dalla Thailandia e da Bali.

L’isola di Gunahir si trova a circa 12 miglia al largo della costa di Hokkaido. Il rifugiato è arrivato domenica a Shibetsu, un piccolo paese di pescatori sulla costa

Le prove che hanno rivelato l’identità del rifugiato hanno dipinto un brutto quadro del suo carattere.

Ha vissuto per tre anni nelle Isole Curili, nessun posto dove lavorare, e ha vissuto a Kolovino [village], Dormiva in una tenda o si stabiliva lì con chiunque incontrasse.’

Secondo RIA Novosti, il governo “prenderà le misure appropriate” dopo aver confermato i dettagli della visita nazionale russa, ha detto lunedì il segretario di gabinetto capo del Giappone Katsunobu Kato.

Shibetsu, dove si dice che siano arrivati ​​i rifugiati, è un piccolo paese di pescatori con poche migliaia di abitanti e uno dei pochi posti in Giappone inaccessibili in treno.

Nel 2019, i media russi si sono trasferiti a Kuril dopo che Nokart, originario della città di Izhevsk negli Urali, a 600 miglia da Mosca, ha ricevuto terra libera come parte del progetto “Far East Hectare” della Russia.

Un articolo del quotidiano Novaya Gazeta descriveva Nogart come una persona che ammirava la cultura giapponese e frequentava corsi di lingua giapponese per comprendere meglio le usanze del paese.

Kunashir fa parte delle Isole Curili, un piccolo agglomerato di terra controllato dalla Russia ma conteso dal Giappone

Kunashir fa parte delle Isole Curili, un piccolo agglomerato di terra controllato dalla Russia ma conteso dal Giappone

Riprese video aeree di Capo Stolpachi sull'isola di Kunashir con la bassa marea in una giornata di sole.  La terra libera dell'isola è stata concessa ad alcuni cittadini russi come parte di un piano per rilanciare il suo estremo oriente.

Riprese video aeree di Capo Stolpachi sull’isola di Kunashir con la bassa marea in una giornata di sole. La terra libera dell’isola è stata concessa ad alcuni cittadini russi come parte di un piano per rilanciare il suo estremo oriente.

Funzionari della regione di Yushno-Kurilsk hanno affermato che il rifugiato ha ricevuto terra gratuita a Kunashir come parte del piano della Russia per rilanciare il suo Estremo Oriente.

READ  Come vivere più a lungo: Giappone, Hawaii e Norvegia sono i più sani al mondo - i loro segreti

Kunashir fa parte delle Isole Curili, un piccolo territorio controllato dalla Russia, ma la sua proprietà è contesa dal Giappone.

Dopo l’occupazione sovietica delle isole strategiche negli ultimi giorni della seconda guerra mondiale, ai due paesi fu impedito di firmare un trattato di pace della seconda guerra mondiale fino a quel giorno.

L’agenzia di stampa statale russa TASS ha annunciato all’inizio di questo mese che prevede di costruire 51 nuove infrastrutture militari sulle Isole Curili, parte di una lunga esercitazione di addestramento militare.

Il ministero della Difesa russo ha annunciato il 9 agosto di aver allestito più di 30 edifici sulle isole, tra cui sette appartamenti per il servizio militare.

L'agenzia di stampa statale russa TASS ha annunciato all'inizio di questo mese che prevede di costruire 51 nuove infrastrutture militari sulle Isole Curili, parte di una lunga esercitazione di addestramento militare.

L’agenzia di stampa statale russa TASS ha annunciato all’inizio di questo mese che prevede di costruire 51 nuove infrastrutture militari sulle Isole Curili, parte di una lunga esercitazione di addestramento militare.